Amato tanto cos?
Me lo ridici
Amato tanto.
Timida molto audace
La stessa diversa persona sei tu,
E per cambiare ti basta saperlo,
Che non sei mai la stessa,
Nemmeno a volerlo.
I simboli non sai cosa siano,
Un'ortensia non? Nemmeno quella.
Hai la pazienza di un'onda
Compresa la tendenza
A soffermarti mai,
Come fosse la fine.
Non un dito notevole,
Ma dieci impercettibili soprusi,
Aperti come I mari,
E come I mari chiusi.
Neri I tuoi neri sconvolti
Divampati imperi irrisolti,
E matematicamente rivolti
A contenere zeri.
Impensabili per? Malleabili,
Ballabili mammelle
Abbracciate alle quali volteggi
Sotto il lampadario delle stelle,
Inutilmente imitatrici dei tuoi denti.
Prendi, e dagli spaventi
Tanto sentimentali,
Tiri le diagonali dei sospiri violenti.
Svegliata la mattina,
Guardi nel posto accanto
Lo sfinito e per quanto
Respira o non respira.
Sai che non si? Mai la propria vita,
La tua ti serve appunto per certezza,
Tu vivi e lasci vivere te stessa
Con un congedo, con una carezza
Sicura con la mano, sicura con la mano,
Con la guancia perplessa.
Sciolta come le braccia
Scomparir? La neve:
Per sempre se ne andr?,
E se dovr? Ricadere
Sar? Come un armadio che si sgancia
E precipita dal cielo in tante schegge.
E tuttavia, per? Comunque sia,
Bellezza e compagnia
Non vanno bene,
Non si legano insieme.
Risentirai la neve risuonare
Dentro le risatine,
Come un piacere
Che non sai trattenere.
La neve torner? Come un pretesto
Dipinta e sempre finta,
E tu la irridi,
La lusinghi e la sfidi
E la solleva il tuo sbuffo selvaggio.
Correct  |  Mail  |  Print  |  Vote

Timida Molto Audace Lyrics

Lucio Battisti – Timida Molto Audace Lyrics