Giuann ShadaiStardust

Stardust , polvere di stelle di anni fa , il mio ricordo da qua volge lo sguardo vero foggia citta' agosto in citta' , asfalto sotto il sole , preso nell'ascoltare te alla Villa Comunale. portavi sempre quel cappello degli anni '50 , portavi fiero la tua storia anche negli anni '80 dalla stazione dei treni al mercato aperto quanta gente ho visto porgerti la mano e con quanto rispetto. tu lo leggevi nei miei occhi e capivo di gia' e mi mostravi cio' che toglie e da la realta' sei stato la prova vivente compa' che il rispetto non si compra ricoprendo un ruolo in societa' la ferrovia tutta era la tua terra , l'hai vista rinascere sotto i colpi della guerra lascia del tempo che ora allarghi le maglie , non e' passato mai un giorno senza almeno un bacio per tua moglie. poi il bando da firmare , la banda comunale , la tua passione per le note e' riuscita a salvare lte dalla Russia , la tua famiglia tutta , l'unico senza spartiti , autodidatta scrivo la storia che hai inciso dentro al mio corpo di quando Frank Sinatra scese a Foggia in aereoporto a te che non leggevi le note e suonavi il sax , diede il tre ed attacco' il duetto sulle note di Stardust! RIT: lascio questa polvere di stelle dare forma alle parole sulla musica e poi testa , mani , collo , gambe , braccia , piedi , cuore , vai mo! lascio questa polvere di stelle dare forma alle parole sulla musica e poi testa , mani , collo , gambe , braccia , piedi , cuore , vai mo! ed ogni giorno di piu' qualcuno attorno e sei tu ed ogni sogno di piu' qualcosa accanto e sei tu ed ogni giorno di piu' qualcuno attorno e sei tu ed ogni sogno di piu' qualcosa accanto e sei tu stardust , per me e' il sapore dei sentimenti dei venti dei trenta dei suoni e odori d'altri tempi e' la cintura di un cappotto leggero , per strada in autunno reggevo mentre camminavo e' il primo sorso di birra dal tuo bicchiere , al bar di mattonelle azzurre all'angolo del tuo quartiere e' un piccolo segreto lungo una spanna , tanto sai che dopo a casa ti copro se ti sgama la nonna sei tu , seduto su uno sgabello col sax , sette nipoti attorno a te che suoni note di jazz e' un ancia lunga , e' un legno con la punta , e' tua moglie che piange quando le suoni "Rosamunda" e' la passione che a volte scorre di generazione in generazione solo tra poche persone ( stardust ) roba solo per chi sa cogliere e sono fiero che tra tutti hai scelto proprio me sono il veicolo , delle tue note fin da piccolo , portatore di ogni sintomo e se mi senti o no spero possa farti fiero d'animo ho imparato solo tutto cio' che so e la mia guerra e' portare il mio nome fuori , uno per te , uno per tutti e due i miei genitori nel nome di un sassofonista compa' , che ha dato il nome ad un poeta di strada di Giuann.
Lyricsfreak.com © 2014