Forse a quest'ora i colleghi scordati li ho gia'
chiusi nella toilette
a farsi belli, ma che follia...
delirio, agguato di nostalgia...
la piu' malinconica seta io affrontero'
con le mani piu' allegre che avro'
per raccontare a chi non lo sa, eh, eh...
quel che e' soltanto normalita'...

Ma, se capita, chissa', se capita,
un po' di giungla anche per me...
e loro ascoltano...? Chissa'
se ridono... e se capiscono il perche'...?
Cuochi ambulanti soffriggono la musica
la-la, la-la-la-la-la-la...
Bambola avvolta ne tulle, gia' messa via...
di tanti bei sogni la musa...
Ghibli che soffia dietro una porta chiusa...
ah, mi sento fradicio di magia...
Ma forse a quest'ora siam gia' fuori orario, pero...
un pedilivio mi faro'...
Ho qui un bel talco da miliardario...
la-la, la-la-la-la-la-la
Mail  |  Print  |  Vote

Colleghi Trascurati Lyrics

Paolo Conte – Colleghi Trascurati Lyrics