Accesa, spenta fra I radiogiornali,
L'auricolare perso in tre canali.
Son loro che ci aiutano a non sentirci soli,
Ma un uomo li comanda,
E lo chiamiamo Ameri.
Grazie, Ameri.
Vai Ameri, con il coraggio e la paura di sentirti bene.
Ameri in forma, Ameri in sintonia.
Ciotti ti sgrida (parli sempre tu),
E gli altri a dirgli: "Cosa vuoi che sia?"
Grazie, Ameri.
Vai, Ameri; descrivi in sintesi che cosa avviene a centrocampo.
Sivori al limite dell'area,
Buon disimpegno e Cuccureddu va,
Ma ecco Albertosi che lo caccia via.
Immagina una rete di pescatori,
Una rimessa d'auto e tanti bei rigori
Che gli arbitri decretano per falli non di gomma,
E infatti li rilevano: ve n'e' una vasta gamma.
Vai, Ameri.
Grazie, Ameri;
Ci fosse ancora Bortoluzzi in onda come ieri
Ci abbracceremmo, e canteremmo in cor
La canzoncina "Buonasera dottor"
Che tramandocci quella brava cantante nonche' madre esemplare
Claudia Mori.
E Ghezzi Dori, che un di' cantava il casacioc destando dissapori.
La gente intorno grida: "Evviva Wess!
"Due corpi e un'anima" fu il suo success,
Ma dopo lo hanno ostacolato perche' era un negro. "
Non che sia poco bravo Provenzali,
Ma per quest'oggi, Ameri, parla tu
Correct  |  Mail  |  Print  |  Vote

Ameri Lyrics

Elio E Le Storie Tese – Ameri Lyrics