La metro dei riflessi,
gli sguardi verso il vetro,
gli appositi sostegni verticali,
le mani che fatali li discendono,
e quelli orizzontali, in alto i polsi e gli orologi
viaggiano da soli.

La metro, i seduti di fronte
sono semplicemente gli avanzati
dal viaggio precedente
che andava dove vanno
tutti i presentimenti, eccetera.

In un soffio di porta, fa' l'ingresso
la bella incatenata a testa alta
Mail  |  Print  |  Vote

La Metro Eccetera Lyrics

883 – La Metro Eccetera Lyrics